347 573 4472
loredana_faletti@yahoo.it

La depressione

La depressione rappresenta una condizione di vita nella quale la tristezza, sentimento comune e fisiologico all’essere umani, si struttura nel tempo diventando così pervasiva e intensa da bloccare il normale funzionamento di una persona e la sua crescita personale.

I pensieri che la caratterizzano hanno un valore soggettivo e cambiano da persona a persona; hanno una connotazione fortemente negativa e in genere includono sentimenti di inquietudine, rassegnazione, sfiducia, impotenza e autosvalutazione, delusione, sconforto, pessimismo sul futuro e nagativismo sul presente. Tale condizione è caratterizzata dalla perdita di interesse e motivazione per le normali attività, da irregolarità del sonno e dell’alimentazione, da somatizzazioni (cefalea, gastriti, dolori alla schiena, ecc.) e dalla tendenza ad isolarsi e a mantenere relazioni definite intorno al tema depressivo.

A volte la depressione si nasconde dietro una facciata di apparente spensieratezza, in persone particolarmente attive e disponibili, dedite al lavoro e agli altri ma incapaci di fermarsi e di vivere tempi vuoti che sarebbero riempiti da malinconia e sensi di colpa.

Il sentimento di vuoto e la perdita di senso che caratterizzano la depressione sono gli strumenti più potenti che la mente utilizza per sottrarsi ad una condizione di sofferenza psichica legata ad un “qualcosa” che fa male ma a cui, volenti o nolenti, ci si sta esponendo con ostinazione.

Un sostegno farmacologico potrebbe risultare utile, ma solo nei casi più gravi e invalidanti. Diversamente, la psicoterapia rappresenta lo strumento più adeguato alla risoluzione della depressione. Pertanto, se i momenti di tristezza e malinconia sono sempre più frequenti e durevoli, o se si è semplicemente preoccupati per ciò che si sta provando, sarebbe opportuno consultare uno psicoterapeuta.


 “Il depresso è un’anima instabile, luttuosa,morta.
Non ci vuole molto ad essere depressi.
Basta un po’ di luna storta, un vento che non è gradevole,
una donna non sincera, qualche colpo di sfortuna.
Il depresso è cavilloso, anomalo, iettatore.
Fa finta di cantare ma in effetti si lamenta.
Il depresso può avere anche un amico,
un poveraccio incolpevole, che si da un gran da fare per vederlo sorridere.
Ma il depresso no, non ride, e l’amico volenteroso finisce per morire sconfitto.
Il depresso è come un vigile urbano 
sempre fermo sulla sua catastrofe.
Si comuncia da bimbi ad essere depressi,
da grandi si diventa perfidi.
Il depresso non se ne accorge 
e intorno a lui muoiono persone
che tentano di salvarlo e finalmente,
dopo aver distrutto un intero mondo di eroi,
il depresso rimane felice: è finalmente libero.
Il depresso ti annienta, ti uccide,
ma finalmente ride”.
 
Alda Merini

Articoli

Un bambino 2151